AGRICAMPEGGIO “AI LINCHI” – Lucca

L’Agricampeggio “Ai Linchi” si trova oltre le sponde del fiume Serchio rispetto al centro della città di Lucca e rappresenta a mio avviso un punto strategico per visitarla utilizzando l’auto o le bici.

La struttura è di recente costruzione, molto ben curata e mette a disposizione n. 12 ampie piazzole su fondo ghiaioso con allaccio 220V e acqua potabile, a disposizione di camper, roulotte o tende.

L’utente, attraverso un sistema di apertura automatizzata del cancello è libero di entrare e uscire a qualsiasi ora.

Da sottolineare la gentilezza e la cordialità dei gestori che non guasta mai.

A monte, si trova il blocco in muratura dei vari servizi tra cui:

  • Servizi igienici (anche con area dedicata ai bambini e portatori di Handicap)
  • Docce calde
  • Locale lavanderia e lavaggio stoviglie con lavatrice e asciugatrice a gettoni
  • Piattaforma per scarico igienico camper
  • Sala ricreativa con area Wi-fi
  • Sala comune con tavolo e sedie per magiare al coperto
  • Area barbecue
  • Area pic-nic
  • Spazio con giochi per bambini

Ad oggi non è presente una piscina dedicata all’Agricampeggio (anche se è in progetto di essere realizzata) ma durante la vostra permanenza, se quella a disposizione dell’agriturismo non dovesse essere affollata, concordate con il gestore le possibili modalità per usufruirne.

Al vostro arrivo, potrete mettervi in contatto con i gestori, se già non sono presenti in struttura pronti ad accogliervi, attraverso una telefonata al numero che troverete indicato sul cancello: chi dovesse arrivare ad ore tarde, consiglio di mettersi preventivamente in contatto telefonico al fine di ricevere le istruzioni necessarie per entrare.

Nota Bene:

L’Accesso è agevole ma durante la percorrenza di Via della Pieve di Santo Stefano, anche se il navigatore alle volte lo suggerisce, NON svoltare mai in via Sant’Alessio (altrimenti vi farebbe passare da Via Malfatti che con camper e caravan risulta troppo stretta), e proseguire dritto. Una volta giunti all’incrocio con Via del Caporale (strada non larghissima ma agevole), imboccarla, una volta arrivati all’incrocio con via Malfatti andare ancora avanti e dopo circa mt 100  vi ritrovate sulla destra il cancello di entrata dell’Agricampeggio.

Contatti:

Tel: +39 0583 330461 – +39 349 2668921

Sito internet: www.ailinchi.it/agricampeggio

Allaccio 220

Carico acqua

WC Kimik 

Check.-in H24

sì - previa telefonata preventiva

Orario Check-out

libero

Area esterna di pernottamento provvisorio


Strada di arrivo e di accesso

agevole
Accedete a Via del Caporale da via della Pieve Santo Stefano. Non imboccate via Malfatti con Camper e caravan perché troppo stretta (per maggiori dettagli leggete la recensione)

Piscina

no - leggi note in recensione

Animali accettati

Market

no

Fermata mezzi pubblici nelle vicinanze

no

Punti di forza

Blocco servizi nuovo e completo

Articolo precedenteAREA DI SOSTA A ISTANBUL
Articolo successivoCARAVAN & MONOPATTINO (ELETTRICO)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Altri articoli

News

PIANA DI CASTELLUCCIO DI NORCIA e dintorni

Vogliamo parlarvi questa volta della piana di Castelluccio di Norcia, un’immensa pianura famosa principalmente per la fioritura delle lenticchie che a fine primavera/inizio estate si colora di moltissime sfumature creando un ambiente davvero suggestivo.

SOSPENSIONI AD ARIA BITOP

Ad un anno esatto dall’acquisto del mio camper mi sono deciso ad installare delle sospensioni integrative ad aria ed ho scelto le BITOP, per l’esattezza il modello B132: ora vi spiego il perché!

LAGO KOURNAS – CRETA – GRECIA: dove sostare col camper

Il lago Kournas è l’unico lago di acqua dolce di Creta e si trova nella parte settentrionale dell’isola poco distante dalla costa, a metà distanza tra le città di La Canea e Rethymo.

ABBAZIA DI SAN GALGANO – Area parcheggio camper free

Nel comune di Chiusdino, in provincia di Siena abbiamo visitato l’abbazia di San Galgano. L’edificio adesso è sconsacrato ma risale al secolo XII costruito dai monaci cistercensi. La particolarità dell’abbazia è data dalla mancanza del tetto che è crollato intorno a fine 1700 a causa di un fulmine che colpì il campanile.